Affordable Access

Publisher Website

Fonti letterarie e fonti archeologiche : un confronto possibile su M. Emilio Scauro il Giovane, la sua domus 'magnifica' e il theatrum 'opus maximum omnium'

Authors
Journal
Mélanges de l’École française de Rome Antiquité
0223-5102
Publisher
PERSEE Program
Publication Date
Volume
109
Issue
1
Identifiers
DOI: 10.3406/mefr.1997.1978

Abstract

Maura Medri, Fonti letterarie e fond archeologiche : un confronto possibile su M. Emilio Scauro il Giovane, la sua domus 'magnifica' e il theatrum 'opus maximum omnium', p. 83-110. In un'opera letteraria dal titolo Le palais de Scaurus, F. Mazois prende a modello per una ricostruzione ideale della casa romana la dimora palatina di M. Emilio Scauro. Il motivo di questa scelta, con tutta probabilità, va rintracciato nell'influenza che la lettura della Naturalis Historia esercitò su Mazois. Plinio il vecchio, infatti, riserva a M. Aemilius Scaurus (pr. 56) una particolare attenzione, citando ripetutamente come detentore di primati e campione di luxuria. Attraverso il riesame délie informazioni forniteci da Plinio e dalle altre fonti letterarie, e attraverso l'analisi delle due opère architettoniche di cui Scauro fu artefice, la sua domus e il teatro temporaneo eretto durante l'edilità del 58, si delinea il ritratto di un aristo- (v. rétro) cratico, vissuto negli anni cruciali del difficile trapasso tra repubblica e principato.

There are no comments yet on this publication. Be the first to share your thoughts.