Affordable Access

Maurizio Tarantino. Guida alla biblioteca d’italianistica

Authors
Publisher
AIB, Associazione italiana biblioteche
Publication Date

Abstract

Recensioni n 2 Se negli ultimi anni un po’ ovunque c’è stato un risveglio d’interesse per questo par- ticolare materiale (frammenti di codici liturgici medioevali), il mondo dei frammenti è rientrato presto nel “buio” e per alcuni decenni non ci sono state molte pubblicazioni al riguardo. Indubbiamente, le molteplici difficoltà nello studio di questi materiali deriva- no principalmente dall’esigenza di un minimo di competenze interdisciplinari, come: la conoscenza del latino e della paleografia testuale latina; la padronanza della letteratura musicale medioevale, ossia la conoscenza della paleografia musicale medioevale e in par- ticolare delle varie notazioni neumatiche, per non parlare di solide basi che riguardano la storia delle Chiesa e delle istituzioni sociali del nostro medioevo, l’iconografia e 1’agio- logia, per ricordare alcuni degli ambiti più rilevanti. Dunque, l’autrice si cimenta con scrupolosità nell’affrontare gradualmente i vari punti della sua ricerca: i frammenti litur- gici in grafia beneventana conservati nell’Archivio di Stato di Macerata. Lavoro piutto- sto complesso, che parte dalla corretta identificazione tipologica delle fonti e arriva all’a- nalisi completa dei singoli pezzi, attraverso l’inventariazione di tutti i brani e l’analisi delle particolarità di questa tipica scrittura musicale beneventana, identificandone le diverse morfologie grafiche. Come è ben sottolineato, anche, dalla presentazione al volu- me di Giacomo Baroffio: «infatti, la raccolta di Macerata costituisce un tassello minimo ed insieme molto interessante nel grande mosaico della cultura medioevale italiana. Il catalogo dei frammenti è un contributo significativo alla comprensione di un vasto feno- meno che dovrà e potrà essere studiato quando si disporrà di tanti lavori analoghi su altre fonti di differente tradizioni». In sintesi, il lavoro offre un’analisi di tipo storico, paleografico e musicale. Il catalogo riporta: la trascrizione del contenuto liturgico delle pergamene con riferimento al

There are no comments yet on this publication. Be the first to share your thoughts.