Affordable Access

L’Organizzazione del lavoro marittimo in Italia fra Otto e Novecento

Authors
Publisher
Drassana: revista del Museu Marítim
Publication Date

Abstract

COBERTA Drassana 17:COBERTES Drassana 115 Els dies 22, 23 i 24 de novembre de 2006 es va celebrar a Barcelona el III Congrés d’Història Marítima de Cata- lunya, les actes del qual van ser publicades en un CD i an- nexades al número 16 de la revista Drassana. Una de les comunicacions, la corresponent a la Dr. Ma- ria Stella Rollandi, que portava per títol L’organizzazione del lavoro marittimo in Italia fra Otto e Novecento, va ser publicada sense l’aparell crític, la qual cosa impossibilita- va una lectura correcta de l’article. Per tal de corregir aquesta deficiència publiquem ara l’article complet amb la bibliografia, amb l’esperança que aquesta aportació si- gui del tot útil als investigadors LA MARINA MERCANTILE ITALIANA Nel 1861 la flotta mercantile del nuovo Regno è caratte- rizzata dalla prevalenza della componente velica, prota- gonista proprio in quegli anni della così detta «epoca d’oro della vela»1. Pochi anni dopo, al momento dell’a- pertura del canale di Suez, mentre sul piano internazio- nale si assiste a un incremento delle navi a vapore e a un rapido aumento della loro produttività, la flotta italia- na non è competitiva in ambito europeo. Ciò avviene no- nostante sussista nel Paese la consapevolezza che per molti porti della penisola quell’evento rappresenti l’oc- casione per recuperare una posizione centrale nei traffi- ci con l’Oriente2. Nel 1870 l’Italia è al quinto posto per quanto riguarda la sua flotta commerciale, ha poche unità a vapore e di stazza inferiore anche rispetto a quelle di paesi meno forti per quanto riguarda il tonnellaggio complessivo, quali Germania e Austria-Ungheria. A dieci anni dalla for- mazione dello stato unitario la marina italiana è in diffi- coltà, anzi, a quella data aumenta il suo declino: diminui- sce il tonnellaggio delle navi, soprattutto a causa della contrazione della flotta di cabotaggio, mentre l’incre- mento dei piroscafi non è adeguato alle necessità del momento. Tale decadenza è confermata dal calo della partecipazione

There are no comments yet on this publication. Be the first to share your thoughts.