Affordable Access

CONTRIBUTO ALLA CONOSCENZA DELLA CHIESETTA SPALATINA DELLA MADONNA DEL CAMPANILE

Authors
Publisher
Literary Circle of Split; [email protected]
Publication Date

Abstract

Nel saggio si elaborano i documenti finora inediti dell'Archivio della Confraternita della Madonna del Campanile a Spalato (conservati nell'Archivio di Stato a Zara) per il periodo dall'anno 1572 al 1779, che gettano nuova luce sulla storia della chiesa citata. Nei documenti ricordati troviamo dati sugli interventi d'arte alia chiesa e sugli acquisti del nuovo inventario per la stessa nel periodo citato. Tra numerosi dati finora ignoti, i documenti zaratini ci rivelano che fino alia meta del XVIII secolo sull'altare maggiore si trovava un polittico oggi perduto in cui era inserita l'icona della Madonna del Campanile. Particolare importanza tra i documenti conservatisi ha il contratto dell'anno 1728 per l'esecuzione del nuovo antependio per l'altare maggiore, da cui apprendiamo che quell'armonioso paliotto barocco fu progettato dall'architetto e pittore spalatino Mihovil Luposignoli e scolpito dall'altarista Pietro Costa. L'antependio è comparato con le altre opere di Pietro Costa a Zadar, Hvar e Sukošan.

There are no comments yet on this publication. Be the first to share your thoughts.