Femminile/Maschile nel corpo danzante: Il lago dei cigni

Affordable Access

Femminile/Maschile nel corpo danzante: Il lago dei cigni

Authors
Publisher
Dipartimento delle Arti - Alma Mater Studiorum - Università di Bologna

Abstract

Il mito della trasformazione di genere di Ceni/Ceneo, raccontato nelle Metamorfosi di Ovidio, impregna la riflessione sulla percezione sociale dell'identità di genere che la cultura dall'antichità greco-romana ad oggi rielabora nelle sue narrazioni. Mentre il pensiero fenomenologico sostiene che l'incarnazione di genere rientra nell'ontologia della persona, i cultural studies sottolineano come essa sia il prodotto di un uso sistematico di codici e convenzioni condivise da un gruppo. In questa prospettiva la trasformazione di genere che attraversa le ricreazioni del celeberrimo Lago dei cigni, incarnato in origine da cigni femminili che rappresentano l'ideologia della femminilità occidentale ottocentesca, fino ai cigni virili di Matthew Bourne del 1995, diventa occasione per decostruire la percezione del femminile da parte dello sguardo maschile nell'ironia dei Ballets Trockadero de Monte Carlo e nella parodia di Mats Ek e per ripetere una domanda urgente: il corpo femminile conta nella percezione sociale odierna?The gender transformation myth of Ceni/Ceneus, described in Ovid's Metamorphoses, impregnates the reflection on the social perception of the gender identity, which has been reworked by the culture since the Greek-Roman antiquity until today. While the phenomenological philosophy argues that the 'incarnation' of gender belongs to the ontology of the human being, cultural studies point out that it has been produced by a systematic use of codes and conventions shared by a group. By this perspective, in the re-creations of the most well-known Swan Lake the gender transformation originally 'incarnated' by female swans – representations of the western female ideology in the Nineteenth century – then by the Matthew Bourne's manly swans in 1995, gives me the opportuny to deconstruct how the male gaze perceives the female gender both through the Ballets Trockadero de Monte Carlo's irony and Mats Ek's parody. I use also this occasion to repeat a compelling question: does the female body matter in the social perception nowadays?

There are no comments yet on this publication. Be the first to share your thoughts.