Affordable Access

La fobia nel cane: valutazione delle tipologie e dell’efficacia dei protocolli terapeutici

Authors
Publication Date
Keywords
  • Vet/02 - Fisiologia Veterinaria

Abstract

RIASSUNTO La paura nel cane è uno stato emozionale, necessario alla sopravvivenza della specie, che diviene patologico quando la manifestazione comportamentale è eccessiva rispetto alla situazione. In tal caso si parla di fobia. Il presente studio, effettuato su 98 cani condotti ad una visita presso il Centro di Consulenza Comportamentale del Dipartimento di Anatomia, Biochimica e Fisiologia Veterinaria di Pisa, ha avuto lo scopo di valutare l’efficacia terapeutica dei diversi protocolli utilizzati per i cani fobici. A fronte di una reale prevalenza della fobia del 64,3%, solamente il 24,5% dei cani è stato condotto alla visita per questo motivo. Questi soggetti, costituenti un campione disomogeneo per sesso, età e razza, mostravano in prevalenza una fobia generalizzata (62,5%), seguita per importanza numerica dalla fobia dei rumori (25,0%) e dalla fobia dei rumori associata alla fobia delle persone (12,5%). Il trattamento ha previsto sempre una componente di terapia comportamentale, mentre solo nel 20,0% dei casi si è avvalso anche della terapia con farmaci psicotropi; alla quasi totalità dei pazienti sono stati invece somministrati medicinali non convenzionali quali feromoni (50,0%), rimedi omeopatici (16,7%) e fiori di Bach (83,3%). Dal follow up è risultato che i protocolli terapeutici utilizzati hanno determinato un miglioramento della fobia nel 73,3% dei casi, con una risoluzione completa corrispondente al 33,3%. Questi dati suggeriscono che è possibile, attraverso un’adeguata diagnosi e terapia, ridurre la paura nei cani fobici, renderli più gestibili e salvaguardarne il benessere psicofisico. SUMMARY Fear in the dog is an emotional state, indispensable for the survival of the species, that becomes pathological when behavioural displays are extreme as regards the situation. In this case we talk about a phobia. The present study was carried out on 98 dogs brought to a visit at the Center of Behavioural Counselling in the Department of Veterinary Anatomy, Biochemistry and Physiology at the University of Pisa. The aim was to evaluate the therapeutic efficacy of different protocols used for phobic dogs. Against a real prevalence of the phobia of 64.3%, only 24.5% of dogs were leaded to the visit for that reason. These subjects, forming a unhomogeneous popolation for sex, age and breed, showed mainly a generalised phobia (62.5%), followed for numerical importance by the phobia of noises (25.0%) and the phobia of noises associated with the phobia of people (12.5%). The treatment always provided for a component of behavioural therapy, while only in 20.0% of the cases psychoactive drugs were used; instead, to almost the whole of patients non conventional medicaments were instead administrated, such as pheromones (50.0%), homeopathic rescues (16.7%) and Bach’s flowers (83.3%). In the follow up resulted that the therapeutic protocols we used determined an improvement in the phobia in 73.3% of the cases, with a complete resolution corresponding to 33.3%. These data suggest that it’s possible, through a correct diagnosis and therapy, to reduce fear in phobic dogs, to make them more manageable and to safeguard their psycho-physical wellbeing.

There are no comments yet on this publication. Be the first to share your thoughts.