Affordable Access

L’immoralità delle regole tecnologiche: un commento a Burk e Gillespie

Authors
Publisher
Mucchi Editore
Publication Date
Keywords
  • K Law (General)

Abstract

Questo breve saggio costituisce un commento a D. L. BURK, T. GILLESPIE, Autonomy and Morality in DRM and Anti-Circumvention Law, tripleC 4(2): 239-245, 2006. Burk e Gillespie si concentrano sulla natura preventiva delle regole tecnologiche incorporate nei sistemi di DRM. Gli autori scelgono di prescindere dalle argomentazioni in chiave economico-utilitaristica (cioè di analisi costi-benefici) che - a loro dire - finora hanno dominato il dibattito sul Digital Rights Management (DRM) e si incamminano su un terreno che essi definiscono “morale” o “deontologico”. Le tecnologie DRM (in particolare, le misure tecnologiche di protezione) sollevano fondamentali questioni di filosofiche relative all’autonomia dell’individuo fruitore dell’informazione digitale. La tesi di fondo degli autori è che le tecnologie DRM restringono il margine di scelta dell’individuo anticipando il momento in cui l’uso dell’informazione è regolato. Il divieto legale lascia alla discrezione degli individui la scelta se compiere o meno atti che possono essere sanzionati dalla legge. Il DRM, invece, preclude tale discrezionalità, consentendo solo gli atti determinati preventivamente dal produttore dell’informazione. La legittimazione da parte dello Stato del DRM [o meglio, la tutela giuridica delle misure tecnologiche di protezione nell’ambito delle leggi sul copyright] avalla il trattamento dei cittadini alla stregua di persone incapaci di determinare l’uso appropriato delle informazioni digitali. La trattazione è così articolata: nel paragrafo 1 si effettuano alcuni cenni introduttivi alla materia delle regole incorporate nelle architetture tecnologiche come il DRM, nel paragrafo 2 si ricostruisce sinteticamente il pensiero di Burk e Gillespie e nel paragrafo 3 si svolgono alcuni commenti.

There are no comments yet on this publication. Be the first to share your thoughts.